Venu Dhupa: Understanding Diversity

Last September 4th, I took part of the seminar  EU diversity research report with visiting professor Venu Dhupa organized by Catalysti in Globe Art Point. As her website says, she is an expert in national and international cultural policy and is sought after for her innovative thinking on culture, leadership, diversity and the creative industries.

The seminar, which started by asking which three words we associated with diversity, was an empowering experience and all the participants were artists, researchers and culture workers from all around the world with the common feature to be resident in Finland.

After the event, I had the opportunity to interview Venu to understand more about her life and projects.

The seminar was focused on EU Diversity Research Report. What do you mean by diversity?

What I mean by diversity is the full spectrum of diversity, which includes gender, culture, race, religion, sexual orientation, ability, disabilities, mental health issues, age.

All the diversities which embrace our society.

In your opinion what is the most important of these?

I think understanding diversity itself, so we acquire it from many angles.

For example, there was an older person in the seminar, and he was maybe particularly interested in retired people. There are many issues which retired and older people are facing like, for instance,   isolation, loneliness, not getting into generational contact, health problems and they might feel some issues with diversity and acceptance.

What we shouldn’t do is compartmentalize, because we have to embrace diversity in all society. If we compartmentalize, we very quickly find ourselves in one of these isolated groups.

We are more than just one aspect of personality or experience.

For example, I am a woman. But I am also an academic and a person of colour. I am many different identities.

In my view, it is dangerous to say that one type of diversity is more important than another. But I noticed that in the seminar people were very focused on cultural diversity.

You lived both in the UK and United States, where you did some research. Did you see any differences in the two countries?

Yes, I did. I spent time in the United States when I was younger, so I am familiar with that country. I was very surprised that only 17% of people in the USA had a passport. I was really interested in that because it is important to exchange information and experiences. Considering they have such an influence in the world, you would hope that they were more knowledgeable of the world as a population but there is a lack in my view.

Also, we see diversity as having different cultures in our country, our different languages, our different festivities. In the United States it is much more about allegiance to the flag to which they swear they are American. So the other aspects of identity become subsume on being American.

Have you had other experiences in other countries?

Yes, I worked in 23 different countries. I think South Africa is a very interesting country in terms of diversity because of the Apartheid history. My husband is Jamaican-Irish and I am Indian. When we go to South Africa it is very complex to negotiate: people make judgments on how you look. Diversity and equality are very sensitive matters.

I participated in an exhibition there recently. It was called Clash. It was about defending different topics coming together, wrapping up against each other. Of course, race was one of them.

At least in South Africa you know where you stand, in Britain sometimes you don´t: apparently we English have equality because our legislation has equality, but in reality WE are not equal.

In South Africa, they were very surprised to hear some of these statistics and, for example in Britain, if you are a person of colour. you are three times more likely to be teased, arrested and unemployed, seven times more likely to be in prison and seventeen times more likely to be “stopped and searched”. If you gave these statistics to people of colour in South Africa, they wouldn’t believe them because they think Britain is a country of equality.

Do you organize seminars like today in Europe? Are you also working outside Europe at the moment?

Yes, I work all over the world.

I was working on a project in Colombia, in the very famous city of Medellin. Famous for not good reasons. Medellin and Colombia made peace with the internal terrorist groups and their president Juan Manuel Santos awarded a Nobel Peace prize for that in 2016. Now they are looking for creative ways to develop the city and they are looking for social transformations. So I was there working on this topic.

Earlier, I was in India where I was running a project. I was also in Finland not a long time ago. I focused on “How can you make citizens more active?” In England, we got a lot of volunteer groups but in Finland you don´t have so many: how can you encourage active citizens? We were looking at intern policy making.

Do you organize seminars in University?

Yes.  I analyse the diversity research asking specifically about university as a case study. For example, I ask the students “What kind of things do you have to think about in the university?”

What about in high schools?

No, I am not the right person for doing it in high school. I want to train teachers to organize seminars in high schools.

Talking about media. What is it your opinion of media about diversity?

There are two things.

Firstly, the research tells us that media is both a problem and a benefit. It is a problem when media, instead of just reporting news, produces reportages. So they do 24/7 coverage on something and this reinforces negative stereotypes.

On the other hand, you have the media highlighting issues. For instance, during this seminar I brought some newspaper cutting. If you look, just on a Saturday magazine,  there is something about women´s equality matter, the border wall between the United States and Mexico and racism in Hollywood.

Secondly, in terms of benefits, when I was young, social media didn´t exist and our campaigns were very limited, we couldn’t reach large numbers of people. Now everyone is using social media as a platform and it brings a big advance for both research and exposure. Media can be different.

What is your advice to an online magazine in terms of improving diversity?

It is very important to have good diversity on your editorial board. Studies by Baker McKenzie have proven that having a diverse board can improve the quality, success and productivity of the organization. Give plenty of voices a chance, do diversity analysis of your material and make sure that the coverage of your stories is balanced.

Globe Art Point is an interesting hub for international artists and culture workers who are living in Finland. It is an open space, a headquarters for consulting and organized workshops and seminars to get to know and understand better Finnish society.

gapvenu

Lo scorso 4 Settembre ho partecipato al laboratorio organizzato da CatalystiRicerca della diversità in Europa, con ospite Venu Dhupa presso Globe Art Point. Citando il suo sito internet, Venu è esperta in legislature della cultura nazionale e internazionale ed è apprezzata per il suo pensiero innovativo su cultura, leadership, diversità e settore creativo.

Il seminario è stata un´esperienza entusiasmante. I partecipanti erano artisti, ricercatori, persone di cultura da tutto il mondo con, in comune, la residenza in Finlandia. Dopo l´evento, ho avuto l´opportunità di intervistare Venu per comprendere in maniera più dettagliata le sue opinioni e i suoi progetti.

Cosa intende per diversità?

Per “diversità” io intendo l´assortimento interno ad essa che include genere, cultura, razza, religione, orientamento sessuale, abilità, disabilità, problemi mentali, età… Ovvero, che fanno parte della nostra società.

Quale pensa sia la questione più importante?

Ritengo che la questione più importante sia comprendere la diversità stessa, in modo tale che la si possa approfondire da molte prospettive. Tra i partecipanti di oggi, per esempio, c´era una persona anziana, la quale forse era particolarmente interessata ai pensionati. Ci sono molti problemi che gli anziani affrontano quotidianamente come la solitudine, l´isolamento, non avere contatto, problemi di salute, di accettazione e di diversità.

Quello che non dovremmo fare è categorizzare in quanto dobbiamo accettare la diversità in tutta la società. Se compartimentalizzi, ti potresti trovare in uno di questi gruppi isolati. Abbiamo più di un aspetto della nostra personalità ed esperienza.

Io, ad esempio, sono una donna, ma anche un´accademica e una persona di colore. Ho diverse identità.

Secondo il mio punto di vista, è pericoloso dire che un tipo di diversità sia più importante di un altro. Ho notato, però, che oggi l’attenzione delle persone era più focalizzata su quella culturale.

Ha vissuto sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti, dove ha svolto ricerca. Ha notato differenze tra i due paesi?

Sì. Ho trascorso un periodo negli Stati Uniti quando ero più giovane, quindi ho familiarità con il paese. Rimasi molto sorpresa che solo il 17% dei cittadini avesse il passaporto. Mi interessai quindi a questo caso, perché per me è sempre stato necessario lo scambio di informazioni e di esperienze. Considerando che hanno un’influenza fondamentale nel mondo, speravo che loro fossero esperti, ma in realtà non era così.

Inoltre noi vediamo la diversità come legame di culture diverse del nostro paese, delle lingue, delle festività.

Negli Stati Uniti c’è molto di più: si basa tutto sulla fedeltà alla bandiera alla quale giurano che sono americani. Gli altri aspetti dell’identità diventano quindi secondari.

Ha avuto esperienze anche In altri paesi?

Sì, ho lavorato in 23 paese diversi. Ritengo che Il Sud Africa sia uno stato molto interessante dal punto di vista della diversità, grazie anche al trascorso periodo dell´Apartheid.

Io, che sono Indiana, e mio marito, che è Irlandese-Giamaicano, quando andiamo in Sud Africa, notiamo che è molto complicato trattare. La gente ha pregiudizi per come sei esteticamente. Discutere su tematiche come diversità e uguaglianza in un paese simile è una questione molto forte e sensibile.

Ho fatto parte di una mostra là di recente. Si chiamava Clash. Riguardava argomenti diversi e, ovviamente, la razza, era tra quelli.

In Sud Africa, almeno, tu sai da che parte stai, ma in Inghilterra no. Apparentemente la società inglese appare basata sull’uguaglianza perché la nostra legislatura rappresenta l’uguaglianza, ma in realtà non siamo omogenei.

In Sud Africa, sono rimasti sorpresi nel vedere certe statistiche come quelle, per esempio, che in Gran Bretagna una persona di colore ha tre possibilità in più di essere infastidito, di essere arrestato, di rimanere disoccupato, sette possibilità in più di finire in prigione e diciassette in più di essere fermato dalla polizia.

Se dessi queste statistiche a persone di colore in Sud Africa, non ci crederebbero in quanto i sudafricani vedono la Gran Bretagna come un paese di uguaglianza.

Organizza seminari come quello di oggi in Europa e al di fuori al momento?

Sì. Prima di venire qua ero in Colombia a lavorare per un progetto nella famosa città di Medellin, famosa non per buoni ragioni. Sia a Medellin che in tutta la Colombia c´è stata una pace con i gruppi terroristi interni. Juan Manual Santos, presidente della Colombia, vinse nel 2016, un premio Nobel per la pace per questo motivo.

Al momento stanno cercando metodi creativi per accrescere la città e trasformazioni sociali. Io mi trovavo là ad occuparmi di questo. Abbiamo analizzato le strategie interne.

Prima ancora, ero in India e anche in Finlandia non molto tempo fa. Ero impegnata sul progetto “Come rendere I cittadini più attivi?”. In Inghilterra, abbiamo molti gruppi di volontari ma in Finlandia non ce ne sono molti. Come puoi incoraggiare cittadini ad essere attivi? Abbiamo quindi analizzato la politica interna.

Concludendo, sì, lavoro in tutto il mondo.

Organizza seminari all´Università? 

Si, ne organizzo. Sono però organizzati come casi studio. Ad esempio chiedo agli studenti: “quali elementi sono relativi alla diversità che bisogna tenere in considerazione all´università?

Scuole superiori?

No, non sono la persona adatta per organizzarli nelle scuole. Vorrei però farne ad insegnanti che poi organizzino seminari nelle scuole.

Parlando dei media. Qual è la sua opinione sui media nel campo della diversità?

Ho due opinioni. Come prima cosa, la ricerca ci dice che i media sono sia un problema che un beneficio. Sono un problema quando, invece di riportare notizie, producono reportage, facendo 24 ore su 24 contenuti su un determinato argomento, rinforzando negativi stereotipi.

Da un altro lato, però, ci sono media che evidenziano i problemi. Per esempio, durante questo seminario io ho portato alcuni giornali. Se guardi soltanto, in un giornale a caso che ho preso in edicola sabato (prendendo un giornale in mano), ci sono notizie di uguaglianza sulle donne, sul muro tra Stati uniti e Messico, si parla di Hollywood e razzismo.

Il secondo punto riguarda i benefici. Quando ero giovane non esistevano i social media e le nostre campagne ero molto limitate poiché non potevano raggiungere un grande numero di persone. Ma ora usando la rete web come piattaforma è un grande vantaggio sia per la ricerca sia per la visibilità.

Qual è il messaggio che darebbe a un giornale online riguardo alla diversità?

Secondo me, è fondamentale avere un comitato editoriale diversificato. Studi di Baker McKenzie hanno provato che se ci fosse un comitato assortito, la qualità, il successo e la produttività dell´organizzazione sarebbe migliore.

Inoltre il giornale dovrebbe dare occasione a moltissime voci, fare analisi di diversità sul materiale e assicurarsi che il contenuto degli articoli sia bilanciato.

Globe Art Point è un singolare centro per accademici, ricercatori e artisti internazionali che vivono in Finlandia.  Oltre ad essere un “open space”, è un centro per chiedere consultazioni e consigli vari. Vengono inoltre istituiti utili seminari e laboratori

 

CONTACT AND REFERENCES 

Text and Interview: Gloria De Felice

Photo: Globe Art Point

Venu Dhupa 

Globe Art Point 

Catalysti 

info@nur.fi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *