Multicultural Finland Independence Day #Mippi100: It would have been a memorable event if../ Sarebbe stato un evento indimenticabile se non..

If an event is promoted in two languages, Finnish and English, and it is dedicated to multiculturalism, you might expect, at least, that the show abides by the same intention.

On last December 6, Finland celebrated its 100 years of Independence.

Many monuments in Helsinki and around the world were lit up in blue to commemorate the Scandinavian state.

There were many events,  parties and dinners in the Finnish towns. Finnish citizens, residents, and tourists had a different light in their eyes. It was a warm day of festivity, with a predominant use of the blue and white colours, in tribute to the Finnish flag. In addition, the snow finally decided to arrive. Everything was magic.

I was invited to participate in the event Monikulttuurinen itsenäisyyspäiväjuhla – Multicultural Independence Day Celebration” in Finlandia Hall, free entry through early booking. It was sold out.

As its Facebook page reports: “Since 2006, Moniheli ry has been organizing this happening in cooperation with Kulttuurikeskus Caisa and Berde ry”. It was the first time it took place in Finlandia Hall (The Auditorium seats 1700 people, 1200 in the stalls and 500 in the balcony).

I watched good and touching performances, which I will talk about later. Unfortunately, it is paramount to list down some critics regarding the show.

The first thing I didn´t like happened just a bit before the beginning. There were hundreds of people who came. They were on time and in the line to reach to their own sit. Due to the big number of guests, the concert would have started later than the time scheduled (h 13.30). I know how Finnish people consider punctuality so crucial. It never happened in my experiences, though, that the doors of the theatre were closed while people were waiting to check the ticket in line to get in.

After some complaining, people managed to get inside at the beginning of the second performance. Also, I really understand and respect the fact that in Finland the mother tongue is Finnish. It is mandatory, whoever is a resident, to learn it. On the other hand, I don´t accept that the event was advertised in many languages, and people expected that English was included.

In Finland, there are many start-ups, international companies, researchers, many exchange students that don´t use Finnish, English is becoming more and more a third language in the country.

During the show, the only speech translated was the one by the major Jan Vapaavuori, who spoke in Finnish, English, and Swedish. During the rest of the show, some glimpse dialogues were translated now and then. The two presenters rarely translated their conversation. Many people of the public, myself included, didn´t expect it and some of them also left the theatre for the lack of understanding.

And it hurts.

It hurts because many artists who performed deserved recognition. It hurts because the Journalist Yagmur Özberkam had an intense speech, and it was great if the whole theatre could understand. It hurts because of the young people and non-professional artists deserved to be enlightened.

I honestly felt marginalized. I understand Finnish but I wasn’t expecting that. Also, the recording of the declaration of the Independence by the Finnish Parliament was too hoary to be comprehended even by native speakers. If it was stated and clear from the beginning that the language was partially utilized, my report would be different.

Albeit I want to give a tribute also to what I liked.

Pasos de Fuego, Askelten Palo, as the Facebook page reports, is a cultural organization, that was founded from their love to the beautiful Latin American culture and the desire of sharing it to Finnish and other cultures. They mixed disparate folklore dances from all the world and they made a various and unique performance.

Paleface performed with teenagers from the youth club and young singers (Sounds & Beats” with Street Soul Studio, Ak, Isku, The Collective Sound Outfit, Rdk, Barbaro el Urbano And Yökors Knights-Rozza Dragoz, and teenagers of the Harju youth club).

I conclude this article with a personal opinion. The event was set up by a small organization, which for the first time since 2006, had the chance to do in the famous and outstanding Finlandia Hall, built by Alvar Aalto. Although there was a free entrance, I don´t justify the lack of translations, the low condition of the use of the light and sounds (The tango dancers, “Tango Dance Show, Ed Modest Crew” were brilliant, but the lights were settled wrong, and the singers with Paleface were barely heard, it seems there was no soundcheck before).

IMG_20171206_142152_1
“Pasos de Fuego” during the performance

I believe with a little more effort it would have been an outstanding and memorable event. The young artists deserved to rise more than that. It is sad that we waste so much talent and time when we hold the chance in our hands.

In Finland live thousands of artists and art can do a lot for the social change. If we wish, we can influence the world through our talent. Perhaps, I have an utopic vision. I believe, though, that I am using a lot of energy with my magazine for one main reason: Make this society better.  Dismally, I’ve caught an endless wave of grief about this event.

IMG_20171206_151046
The finnish rapper Paleface

Sarebbe stato un evento indimenticabile se non..

IMG_20171206_141833

Se un evento venisse promosso attraverso l´utilizzo di due lingue, inglese e finlandese, e fosse dedicato al multiculturalismo, il ricevente si aspetterebbe, per lo meno, che lo spettacolo attenga allo stesso proposito della pubblicità.

Lo scorso 6 dicembre la Finlandia ha festeggiato i suoi 100 anni di indipendenza. Moltissimi monumenti ad Helsinki e nel mondo, tra cui il Colosseo a Roma, si sono si sono illuminati di blu per commemorare lo stato scandinavo. Numerosi sono stati gli eventi in città, le cene, le feste. I finlandesi, i residenti, e visitatori presentavano una luce diversa negli occhi: è stata un´intensa giornata di festa, con un predominante uso dei colori blu e bianco. Inoltre la neve decise finalmente di arrivare e rese tutto più magico. Sono stata invitata ad assistere all´evento “Monikulttuurinen itsenäisyyspäiväjuhla #Mippi100 (Giorno dell´Indipendenza multiculturale)” al teatro della “Finlandia Talo”, gratuito con prenotazione anticipata e che ha fatto il tutto esaurito di biglietti.

Come riporta la pagina Facebook “Moniheli ha organizzato questo evento dal 2006 in collaborazione con il centro culturale Caisa e Berde.”

È stata la prima volta che il concerto veniva disposto in questa location, molto piú grande della precedente.

Nonostante le ottime e toccanti performances, sulle quali scriveró in seguito, mi sento doverosa di fare alcune critiche riguardo l´esperienza complessiva.

Il primo fatto che non mi è mi piaciuto è accaduto all´inizio del concerto. Erano presenti centinaia di persone, puntuali e in fila per entrare in platea. Purtroppo, vista la grande quantità di ospiti, il concerto sarebbe dovuto iniziare più tardi dell´orario previsto (alle ore 13.30). So bene quanto i Finlandesi tengano alla puntualità, ma non concepisco il chiudere la porta in faccia agli ospiti in coda, tra cui molte famiglie con bambini, in quanto il concerto doveva iniziare e avrebbero ritardato.

Lo scopo dello spettacolo era quello di rendere tutti benvenuti, ma la prassi mi è sembrata tutt´altro.

Dopo alcune proteste siamo riusciti ad entrare all´inizio della seconda canzone.

Inoltre, rispetto il fatto che in Finlandia la lingua madre sia il finlandese, e che sia importante che tutti lo comprendano e lo parlino. Sono la prima infatti a credere che sia necessario studiarla, se residente.

Se l´evento è stato pubblicizzato anche in lingua inglese, si presumeva che questa lingua fosse stata utilizzata. L’unico discorso tradotto è stato quello del sindaco di Helsinki Jan Vapaavuori e alcuni piccoli dialoghi. I presentatori raramente traducevano le loro conversazioni e molti del pubblico non aspettandosi ciò, non hanno capito molto del contenuto che è stato detto. In Finlandia vivono molti studenti in scambio culturale e ricercatori, inoltre molte start- ups e aziende internazionali  hanno deciso di usare l´inglese per accogliere piú lavoratori da diverse parti del mondo.  La lingua inglese è ormai quasi una terza lingua in questo paese scandinavo. Purtroppo, ho sentito di persone che durante l´evento hanno addirittura lasciato il teatro.

E questo fa male. Fa male perché molti artisti che si sono esibiti meritavano riconoscenza, fa male perché la giornalista turca Yagmur Özberkam ha condotto un ottimo e commovente discorso, ma se ci fosse stata una traduzione avrebbe dato la forza anche a molti di essere inglobati nel tema.

Mi sono onestamente sentita emarginata. Pur comprendendo abbastanza il finlandese non ero là per quello.

Se fosse stato chiaro che la lingua inglese sarebbe stata parzialmente utilizzata, allora la mia critica sarebbe stata diversa, senza però togliere le porte in faccia chiuseci mentre eravamo in coda per sederci al nostro posto.

Nonostante queste critiche negative, ho trovato alcune esibizioni molto piacevoli e ritengo omaggiarle attraverso questo articolo.

Pasos de Fuego, che “é un´associazione che promuove il riconoscimento della cultura latino americana attraverso musiche e danze tradizionali” ha portato uno stile di danza mescolando diverse usanze e ha proposto una performance meravigliosa utilizzando costumi di danza folkoristica da piú parti del mondo. I ballerini di tango “Tango Dance Show, Ed Modesto Crew” hanno tolto il fiato, nonostante le luci siano state mal usate, commovente é stata la performance del famoso rapper finlandese Paleface “Sounds & Beats” con Street Soul Studio, Ak, Isku, The Collective Sound Outfit, Rdk, Barbaro el Urbano And Yökors Knights-Rozza Dragoz, e la partecipazione di alcuni giovani del centro giovani Harju”.

Concludo con un parere personale. L´evento è stato preparato da un´organizzazione piccola. Io credo che con un minimo sforzo si poteva rendere un evento memorabile e dare la possibilità ai giovani artisti che si sono esibiti di emergere come tali. È triste che si butti via tanto talento quando si ha una simile possibilità tra le mani.

Ci sono migliaia di artisti e persone di cultura ad Helsinki e in Finlandia e l´arte può fare molto per il cambiamento sociale. Se volessimo, insieme potremmo cambiare il mondo con il nostro talento. Forse la mia è una versione utopica, lo so, ma io ci credo, e sto usando tanta energia per rendere, nel mio piccolo, questo paese e questo pianeta migliore. Sono questi eventi che possono essere portatori di cambiamento.

 

Il pomeriggio in Finlandia Talo del 6 dicembre, a mio avviso, ha lasciato purtroppo un gusto un po´ amaro.

Gloria De Felice

 

Info:  www.moniheli.fi 

Text and photos: Gloria De Felice

Contact: info@nur.fi

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *