Third Space, Runo-Koe: Surrealism, Territory and Dreams (eng/Ita)

Third Space is a nice little spot dedicated to contemporary and visual arts placed in the heart of Helsinki. The curator, the Mexican Rosa Maria Bolom, kindly welcomed and told us what this project “Runo-Koe” was about. Third Space is surely a small room but it encloses a huge power to show art. When you enter, you will not easily get in touch with visitors or collaborators and, of course, with artists themselves, what allows you to understand the works more thoroughly. I loved about Third Space,  the totally unique atmosphere and multicultural visitors. Runo-Koe (runo = poem; koe = experiment) is a project of experimental poetry that combines visual arts by artists from different backgrounds. This first event was about Surrealism, Territory and Dream. The artists involved were: Elena Aleksandrova, Sepideh Rahaa, Paola Figueroa and Katri Miettinen. I have interviewed two of the artists, the Iranian Sepideh Rahaa and Paola Figueroa, who is originally from Colombia. They both live in Finland. In the video below you can watch  part of the interview.

I will briefly describe what the artists have prepared for Runo-Koe.  Elena Aleksandrova created an original art project which involved the spectators: a camera filmed the inside of the small space during the event and the transmission itself has become an artwork. Martina Miño, who kindly guided me during that afternoon,  indeed said “the spectator is the artist,  the artist is the spectator”.

Katri Miettinen created an artwork on capturing an eclipse. In her video, there is a dialogue between the artist and another person who we don´t know.

Sepideh Rahaa’s work was a detailed description of a beach in Iran and memories of her childhood.  I really enjoyed the way she described her work. . It made me think about the personal point of view of the artist but also as well as the the collective’s. Each of us has memories, dreams, and remembrances, no matter where we come from, and those dreams over the years remain, change, and transform. “It’s sometimes scary when it comes back to the images of the past and our brain has changed the memory of them.” She told us.

Lastly, Paola Figueroa created an artwork entitled “Intrasound”: through plastic bags in the water to remind the child in the womb of the mother.

I greatly appreciated how good a multicultural environment could be settled in such a small place, and, also, the visitors themselves, from all over the world ended up in a video immersed in memory and literature.

I want to mention that Runo-Koe will have a series of monthly appointments during 2017.  On the 30th of May there was the second event and in this page, you will be updated on the upcoming events.During the other days, Third Space is always a space exhibited open to the public. Thank you, Third Space crew, for your kindness, your hospitality and your art.

Gloria De Felice

Lo scorso 27 aprile Nur Magazine ha avuto l´occasione di partecipare al primo evento Runo-Koe, presso Third Space, una piacevole galleria dedicata alle arti contemporanee e visive, sorta nel cuore di Helsinki. La curatrice, la messicana Rosa Maria Bolom, ci ha accolto gioiosamente spiegandoci di cosa trattasse tale progetto: Runo-Koe (runo = poesia; koe = esperimento) combina la poesia con le arti visive, progettate da artisti di diversa provenienza. Anche se si tratta di una stanza tanto piccola, Third Space racchiude un enorme potere: quello di presentare facilmente l´arte al pubblico. Non appena ci si addentra, non si fa fatica ad interagire con i visitatori, con i collaboratori e, come nel nostro caso, con gli artisti stessi. Racchiude la potenzialità di favorire la comprensione dettagliata delle opere esposte. Personalmente, adoro il concetto di questo spazio, che crea una relazione con i visitatori completamente unica e multiculturale.

Questo evento si è focalizzato sui temi del Surrealismo, del Territorio e del Sogno.

Le artiste che hanno esposto sono 4: Elena Aleksandrova, Katri Miettinen, Sepideh Rahaa e Paola Figueroa. Ho avuto modo di intervistare due di loro, l´artista Iraniana Sepid Rahaa e Paola Figueroa, originaria dalla Colombia. Entrambe vivono permanentemente in Finlandia. Nel video allegato potrete guardare l´intervista, in lingua inglese.

Quello che ho apprezzato di più di questo evento è stata la possibilità di approfondire, chiedere e conversare con gli artisti liberamente, creando così un’interrelazione continua tra pubblico, artisti e galleria.

L´artista Katri Miettinen ha creato un lavoro di video arte che mostra un´eclisse. Nel video si crea un dialogo tra due persone: l´artista e un´altra che non si sa chi sia, che appare molto distante.

Ho gradito la descrizione dettagliata di Sepidah riguardo al suo lavoro, un video di una spiaggia in Iran, nella cittá dove é cresciuta. Il modo in cui ha descritto la sua opera faceva emergere non solo il punto di vista personale dell´artista, ma anche quello sociale. Ognuno di noi ha ricordi, sogni e memorie, indipendentemente da dove proveniamo, e quei sogni con il passare degli anni rimangono, cambiano e si trasformano.

Come infatti ci disse Sepideh “È a volte scioccante quando si ritorna alle immagini del passato e il nostro cervello ha cambiato la memoria di esse”.

Paola invece ha creato il lavoro “Intrasound”, un video che mostra dei sacchetti di plastica nell´acqua che ricordano il bambino nell´utero della madre.

Nel frattempo, una telecamera ha filmato completamente l´interno del piccolo spazio e il video stesso è diventato un´opera d´arte, idea dell´artistaElena Aleksandrova,. Come ha detto Martina Miño, che mi ha guidato durante lévento: “l´artista diviene pubblico, il pubblico diviene artista”.

È stato piacevole vedere come in un luogo così piccolo potesse essere contenuta una illimitata multicultura. Tantissimi paesi uniti in un tema comune e raccolti in un video immerso nella memoria e nella letteratura.

Tengo a precisare che Runo-Koe organizzerá una serie di appuntamenti mensili nel 2017, che troverete nel sito web. Inoltre Third Space è sempre uno spazio espositivo, aperto al pubblico.

Alla prossima, Third Space.

Grazie per la vostra gentilezza, la vostra accoglienza e la vostra cultura.

Gloria De Felice

Contact:

info@nur.fi

Web Sites:

ThirdSpace

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *