30th Helsinki International Film Festival: 4 films that will change your life / 4 film che cambieranno la tua vita

The 30th Helsinki International Film Festival took place between the 14th to 24th of September. During this cinema event, named Rakkautta ja Anarkiaa (Love and Anarchy), 175 feature films and 190 shorts were screened. It hosted numerous guests and welcomed 60000 visitors. This year, I decided to publish a piece more peculiar than the usual review, conferring cinema as a persuasive way of communication. Undeniably pens, papers, photo and video cameras can be powerful medium. Those tools are capable of shaking a person and wake him/her up from a dreamy artificial existence of the world of capitalism.

During the festival, I focused on films which highlighted the topics of identity, globalization, immigration, diversity, life. Many movies and documentaries discussed those subjects by reason of big ongoing fluctuating phenomena. Likewise, I will converge upon movies I think they were above all of the essences and, for this reason, I would recommend watching. They might change your perspective of the world.

Clash (2016, Mohamed Diab)

clash

Clash is a fictional film which portrays a historical event. It displays the revolution in Egypt from 2011, where Hosni Mubarak was dislodged. The story is seated in the capital Cairo during 2013 where the army dismissed Mohamed Morsi, at the time president of the country. Consequently, the factions of Pro-army and Pro-MB demonstrated on the street. The plot follows the inside of van which carries different prisoners, many with mismatched ideas and backgrounds: there are journalists, families, teenagers, a military, random citizens. All the scenes were shot mainly in one location. By watching it, you will start visualizing to be one of them sensing claustrophobia and heat. If this was Diab´s intention, he perfectly succeeded.

City of Ghosts (2017, Matthew Haeineman)

cityofghosts

Winner of 6 prizes and 9 nominations. This full-length gave me the chills from the first to the last second. It displayed a reality we should all watch and realize, as the truth is lots of people don´t know what is really happening and has happened around the world, in this case the main subject is the city of Raqqa, Syria. In this documentary, you can see how those men, who were once simple Syrian people, suddenly became journalists in the name of their country, publishing multimedia articles online, for the sake of combatting Isis propaganda. They are medium not only for Syria but for the entire planet, divulging news, and fundamental information. We live in a time that each one of us has the capacity to be an intermediate. Chronicling through multimedia tools it´s an excellent and foremost resource. After all, I am sure that still many people don´t watch and read relevant articles because of slothfulness, getting out of their bound or ending up in different outlooks. Throughout facts, it seems that the biggest concern and nosiness of humanity is diversity.

Human Flow (2017, Ai WeiWei)

Human Flow 03

The aim of this documentary was to show the big perspective of the today phenomena. They started to produce it two years ago around the globe and it is certainly indubitable the guidance by one of the most famous contemporary artists, Ai WeiWei. The captures are excellent. The film was shot in 25 different countries: Afghanistan, Bangladesh, France, Greece, Germany, Hungary, Iraq, Israel, Italy, Jordan, Kenya, Lebanon, Macedonia, Malaysia, Mexico, Pakistan, Palestine, Serbia, Switzerland, Syria, Thailand, Turkey. The director himself was a character inside the documentary, a choice to generate the full-length more entrancing.

“There is no refugee crisis, there is a humanitarian crisis, we are all human beings in this world, what it happens it is not a tragedy, but a transformation” said the editor Nils Pagh Andersen, who was guest at the screening event.

Lucky (2017, John Carroll Lynch)

Lucky 11

Regardless this film has a totally different shape from the previous ones, I think it expresses a message which should be included in this article. Lucky (Harry Dean Stanton)  is 91 years old man which realizes that he is old enough and life is not endless, but this doesn´t mean that his journey is over.

The plot displays the simple daily routine of the main character highlighting thoughts and conversions with his friends regarding realism and life.

Lucky lives a smooth pensionary life in a small village in the United States. There´s no war, economic or unhealthy issues (he felt once, but nothing bad happened). There is only the realization that something might end at some point. Through this story, you will reach a forceful message.

The recently passed away Harry Dean Stanton ended his career through a mastery performance. It is also important to highlight the presence of other famous and good actors such David Lynch, Ron Livingston, James Darren.

If we lived without overthinking too much surely we would be in a better world. Our society is bumped by materialism, by fear of the future. But what is future? Everything ends at some point. It is important living as better as we can, day by day, doing our best to make us and the surrounded happier.

Lucky understood this concept at age of 91 and his most famous quote prove what I mentioned.

“Realism is a thing. It is the attitude or practice of accepting a situation as it is and being prepared to deal with it accordingly.”

COMMUNICATION + Art as defeaters of FAKE NEWS

The directors of the films I mentioned, produced great full-length to tell about what everyone is worried to talk in a receptive, and creative way.

Refugees, immigrants, death, violence, life. Topics that they are all scary and appealing to everyone.

Communication, together with art is the absolute and the most influential approach to fight disinformation, fake news, extremism, and discrimination, in my view.

Live and be curious! Don ́t be afraid of judgments and feel free to express yourself, feel free to learn more! We are in a transformation period and we should be awarded about ourselves and our planet with sensibility. Cinema, photography, literature, and art in general are big and vital supporters in our society.

30th Helsinki International film Festival: 4 film che cambieranno la tua vita

Human Flow 02

La trentesima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Helsinki ha avuto luogo tra il 14 e il 24 settembre scorso.

Questo evento cinematografico, chiamato Rakkautta ja Anarkiaa (Amore e Anarchia), ha trasmesso sul grande schermo ben 175 film e 190 cortometraggi, ha invitato vari ospiti provenienti da diverse nazionalità e ha accolto ben 60000 spettatori.

Quest’anno ho deciso di pubblicare un articolo difforme dalla solita recensione, poiché ritengo che il cinema sia un mezzo persuasivo di comunicazione. Senza dubbio carta, penna, macchina fotografica e telecamera possono essere enti mediatici potentissimi. Questi oggetti hanno la capacità di dissuadere una persona disincantandola/o dall´utopico mondo artificiale del capitalismo.

Mi sono quindi focalizzata su film che hanno evidenziato argomenti come identità, globalizzazione, immigrazione, diversità e forza vitale. Molti lungometraggi e documentari quest´anno hanno trattato questi argomenti, in quanto rispecchiano la realtá attuale.

Ciononostante, non potendo nominarli tutti, ho deciso di selezionare quelli che secondo me sono stati i più rilevanti e ne consiglierei la visione. Potrebbero infatti cambiare il vostro concetto generale di “mondo”.

Clash (2016, Mohamed Diab)

CLASH2

Clash è una storia che espone un evento realmente accaduto, attraverso personaggi inventati.

Narra la rivoluzione in Egitto avviata nel 2011 e il film è ambientato al Cairo durante il 2013, quando l´esercito fece abdicare il presidente di quel momento, Mohamed Morsi. Di conseguenza, ci furono manifestazioni sulla strada da parte dalle fazioni pro-army e pro-mb.

Il “protagonista” principale del film è un camion che trasporta prigionieri con idee contrastanti. Troviamo giornalisti, famiglie, adolescenti, un militare e cittadini in generale, tutti arrestati durante la manifestazione. Quasi ogni scena è stata ripresa in un solo luogo: l´interno del furgone.

Durante la visione di questo film, é possibile immedesimarsi in uno di loro, avvertendo un senso di calore e di claustrofobia. Se l´intenzione di Mohamed Diab fosse stata proprio questa, è stata ben pervenuta.

City of Ghosts (2017,Matthew Haineman)

CITY

Vincitore di otto premi e nove nomination.

Un film che mi ha fatto venire i brividi dal primo all’ultimo minuto, presentando una realtà che tutti noi dovremmo conoscere, dal momento che il problema principale, in questa società, è che molta gente non è al corrente di cosa sia accaduto e accada nel mondo, in questo caso nella città di Raqqa, in Syria.

Questo documentario racconta la storia di alcuni uomini che, da semplici cittadini siriani, all´improvviso sono diventati giornalisti a nome della loro nazione, pubblicando materiale multimediale sul web, con lo scopo di combattere il proselitismo dell´ISIS.

Sono messaggeri non solo per la Siria ma per l´intero pianeta, divulgando notizie e utili informazioni.

Viviamo in un’epoca dove tutti possiamo fare comunicazione e raccontare cosa si verifica nel mondo, attraverso vari mezzi; questa la ritengo un´ottima potenzialità.

Nonostante tutto, so per certo che per pigrizia molti si rifiutano di ascoltare, di leggere, di dire ciò che sanno e di esporre i propri pensieri, anche per paura di essere giudicati.

I fatti dimostrano che la diversità sia analogamente il più grande timore e stimolo per gli esseri umani.

Human Flow (2017, Ai WeiWei)

Human Flow 04

L´obiettivo di questo documentario è quello di mostrare la prospettiva del mondo di oggi.

La realizzazione del film inizió due anni fa. In esso è evidente che ci sia la guida di uno dei maggiori artisti contemporanei, Ai WeiWei: le riprese sono eccellenti.

Il film fu girato in 25 paesi diversi: Afghanistan, Bangladesh, Francia, Grecia, Germania, Ungheria, Iraq, Israele, Italia, Giordania, Kenya, Lebano, Macedonia, Malaysia, Mexico, Pakistan, Palestina, Serbia, Svizzera, Syria, Thailandia, Turkia.

ll regista stesso è un personaggio all´interno del film, una scelta fatta per generare maggiore interesse da parte del pubblico.

“Non é una crisi di rifugiati, ma é una crisi umanitaria, siamo tutti esseri umani in questo mondo, cosa sta accadendo non è una tragedia, ma una trasformazione”  ha detto l´editore Nils Pagh Andersen, ospite al festival durante la proiezione.

Lucky (2017, John Carrol Lynch)

Lucky 12

Anche se questo film non ha molto in comune con i precedenti esposti, ritengo che esprima un messaggio a mio avviso significativo e coerente con questo articolo. Lucky, il protagonista del film, è un uomo di 91 anni che realizza di essere ormai anziano e che la vita non è infinita, ciò però non significa che la sua strada si sia conclusa. Il film, oltre a raccontare la lineare giornata del protagonista, ritrae i suoi pensieri e le conversazione con gli amici riguardo al realismo e alla vita.

Lucky vive in un piccolo villaggio degli Stati Uniti. Non si parla di guerra, non ci sono difficoltà economiche o di salute (è caduto una volta ma non è accaduto niente di grave). Sussiste solo la realizzazione che qualcosa finisca ad un certo punto. Attraverso questa storia, riceverete un messaggio intenso, e non escludo una commozione finale.

L´appena scomparso Harry Dean Stanton (Lucky), ha concluso la sua carriera cinematografica con un ruolo da capolavoro e da Oscar. È anche importante evidenziare la presenza di altri famosi e ottimi attori tra i quali il regista David Lynch, Ron Livinstong, James Darren.

Se vivessimo senza pensare troppo, forse vivremmo in un mondo migliore. La nostra società è posseduta dal materialismo, dall´angoscia del futuro. Ma cos´è veramente il futuro?Tutto finisce ad un certo punto.

È fondamentale vivere al meglio, giorno dopo giorno, dare il massimo per rendere noi e coloro che abbiamo attorno più felici. Lucky ha compreso questo concetto a 91 anni e la sua citazione più nota nel film, conferma quello che ho appena scritto.

“Il realismo è una cosa. È un´attitudine o pratica di accettare una situazione per come sia e di essere, perciò, preparato ad affrontarla.”

Arte + comunicazione: rivoluzionari contro il falso giornalismo

Questi registi hanno avuto un grandissimo coraggio nel raccontare qualcosa di temuto al pubblico, nella maniera più semplice e più creativa.

Rifugiati, immigrati, morte, violenza, ciclo vitale… sono tutti argomenti che destano timore e curiosità da parte di ogni essere umano. Ritengo che la comunicazione, unita all´arte, sia la completa realizzazione di una forma di pensiero che possa essere in grado di combattere la disinformazione, il falso giornalismo e l ‘estremismo.  Vivi e sii curioso! Non preoccuparti dei giudizi e sentiti libero di esprimerti, sentiti libero di imparare! Viviamo in un periodo di trasformazione e dovremmo proteggere noi stessi e il nostro pianeta con sensibilità.

Cinema, fotografia, letteratura e arte in generale, sono tutti ottimi sostenitori della nostra società.


Contact:

Text: Gloria De Felice

E-mail: info@nur.fi

Photo: Rakkauta ja Anarkiaa Press kit 2017, Imdb

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *