Cinemaissí 2017: Violence against women / Violenza sulle donne

Cinemaissí, the Helsinki Latin American Film festival, is organized in the capital of Finland every autumn (19 October-22 October this year).

I recently wrote an article related to the last year’s festival thus if you are interested I would recommend reading the article from this link.
This time, I decided to focus on a specific and relevant topic: Violence against women.

This important issue, as it came up last month, was viral and highlighted around the world, thanks to the actress Alyssa Milano´s campaign #Metoo.

The festival made a selection of around 50 films, divided by a given theme, and it gave a significant space to women´s films.

Films


I think the best film I watched during the festival which portrayed the topic was the documentary Intimidates Battles  (Batallas Intimas) by Lucía Gajá

The film explores the lives of five women in different parts of the world (the United States, Finland, Mexico, India and Spain) and how these protagonists deal with the separation of their husbands who physically and mentally violate them.

Violence against women is a very significant issue that should be tackled globally.  One out of three women in the world are victims of sexual assault. Home should be a safe place for everyone but for the women in this film, and for millions of people in the world, it isn’t.

Panel discussions

22554908_1957176681187272_7558962910073260935_n

Among the screenings, Cinemaissí also set up panel discussions free of charge.

On “violence against women”, Camila Rosa organised a panel discussion in Luckan and she was accompanied with the actress and singer Anastasia Trizna (Eve´s Ribs) and the multidisciplinary artist Sepideh Rahaa.

Through involving the public and listening to their opinions and experiences, we realised how important this topic is and it should be highlighted globally because there is wide-spread ignorance on sexual violence.

Short Films

indeleble-still01

Indeleble by Carla Larrea, of the films I watched, showed the Violence against women theme most strong.

The plot is about best friends and of a terrible event which will change their relationship forever.

Usually, a victim of rape knows the person who sexually violates them, a friend or an acquaintance for instance. It is very rare that a stranger rapes someone who they know beforehand. Of course, media prefers to highlight the opposite. But statistics refer differently.

A film festival can be an effortless mediator

Many films focused on topics about equalities of genders. Also, highlighting the issue of violence in films is a difficult task.

I believe that through a simple and delightful way as it is a film festival, we could really shuffle the cards and acknowledge people. We must encourage awareness on these topics for all the people we know in order to support realism and to defeat fake news.

22550390_10156705450609046_1663786796355841671_o

Cinemaissí , il festival del cinema latino americano, si svolge annualmente nel periodo autunnale (quest´anno dal 19 al 22 Ottobre) ad Helsinki.

Ho recentemente pubblicato un articolo dedicato al festival riguardo all´edizione del 2016, quindi consiglio prima di cliccare su questo link per avere un´idea più generale riguardo all’evento. Quest´anno ho deciso di trattare un tema piú specifico e, purtroppo, attuale al giorno d´oggi: La violenza sulle donne.

Come sappiamo, grazie alla campagna virale dell´attrice Alyssa Milano #METOO (ANCHE IO), questo tema è stato ultimamente messo in evidenza e discusso nei social networks.

Cinemaissi ha dato spazio all´argomento attraverso la proiezione di film e l´organizzazione di discussioni.  Il festival ha presentato circa 50 film divisi per argomenti, inclusi documentari e cortometraggi.

Film

Batallas-Inrimas-2

Quella che a mio avviso rappresenta la miglior proiezione attinente all´argomento sulla violenza contro le donne è stato  Battalas Intimas di Lucía Gajá. Il documentario racconta la vita di cinque donne divorziate, provenienti stati diversi (Stati Uniti, India, Finlandia, Messico, Spagna), tutte accumunate dalla stessa situazione: violenza fisica e psicologica da parte degli ex mariti.

La violenza contro le donne è una questione che bisognerebbe seriamente prendere in considerazione in tutto il pianeta. Una donna su tre è vittima di violenza. Per qualunque persona la casa dovrebbe essere un luogo sicuro: per queste donne,  protagoniste del film,  e per altre milioni nel mondo, la propria abitazione è un “covo” di terrore e violenza.

Le protaganiste di Batallas Intimas sono eroine, le quali sono state capaci di dire “basta” alla loro sofferenza e di agire.

Seminari

Oltre alle proiezioni, sono stati organizzati seminari ad entrata libera. Collegato al film sopracitato e riguardo quindi al tema sulla violenza contro le donne, Camila Rosa, ha organizzato un seminario nel centro culturale Luckan, e ha invitato alla discussione l´attrice e cantante Anastasia Trizna (che é organizzatrice del festival femminista EVE´S RIBS) e l´artista multidisciplinare Sepideh Rahaa. Coinvolgendo alla discussione anche il pubblico e ascoltando opinioni diverse, abbiamo realizzato quanto importante sia evidenziare queste realtà. Inoltre, è emerso che molte persone  ancora non credono che in alcuni paesi esistano certi pericoli.

Cortometraggi

Secondo me, Indeleble,  di Carla Larrea, è stato il corto proiettato che ha esposto il tema sulla violenza contro le donne in maniera piú intensa. La trama racconta la storia di due amici intimi, uomo e donna che, a causa di un terribile evento, cambieranno la loro relazione per sempre.

Una violenza sessuale, avviene soprattutto da parte di qualcuno che si conosce ed è  più difficile che capiti da parte di uno sconosciuto. Certo, i mass media, preferiscono raccontare l´opposto, ma  le statistiche riferiscono diversamente.

Un film festival come un facile mediatore

22552884_10156702404844046_5782130132577662968_n

Molti film hanno trattato dei temi molto profondi e parlare di violenza non è nè semplice nè banale.

Ritengo che attraverso un semplice e dilettevole “mezzo”, come in questo caso un film festival, si possa veramente smuovere il problema e informare la gente che non è del tutto consapevole. Dovremmo incoraggiare la divulgazione di questi argomenti a tutte le persone che abbiamo attorno, in modo tale da supportare la realtà dei fatti e opporci collettivamente alla diffusione di notizie false.

Contact:

Text: Gloria De Felice

E-mail: info@nur.fi

Photo: Cinemaissí, Facebook Page Cinemaissí

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *